Gambe gonfie

Crampi, stanchezza e gonfiore? Scopri cause e rimedi di questa condizione che interessa gli arti inferiori

 

Cosa sono le gambe gonfie 

Le gambe gonfie sono una condizione medica in cui gli arti inferiori sono colpiti da gonfiore innaturale. Possono essere la conseguenza di un accumulo di fluidi, la cosiddetta ritenzione idrica, o di un’infiammazione associata a traumi o malattie dei tessuti e delle articolazioni. 

La ritenzione idrica è un disturbo piuttosto comune, che colpisce in prevalenza le donne e indica la tendenza dell’organismo a trattenere i liquidi. Nella maggior parte dei casi di gambe gonfie il fattore scatenante è facilmente identificabile, tuttavia, non bisogna sottovalutare questa condizione poiché potrebbe essere associata a patologie serie come malattie cardiache o alla presenza di trombi nel circolo sanguigno.

Quali sono i sintomi delle gambe gonfie 

Le gambe gonfie sono, di per sé, il sintomo di un possibile disturbo o patologia in corso. Tendenzialmente, si manifestano con edema agli arti inferiori, associato a una sensazione di pesantezza e formicolio. Quando compare un dolore intenso e spontaneo, in concomitanza al gonfiore, questo potrebbe indicare la presenza di una flebite o di una trombosi. 

Tra i sintomi delle gambe gonfie che compaiono con più frequenza troviamo:

- Gonfiore agli arti inferiori e caviglie
- Pesantezza 
- Formicolii 
- Prurito 
- Dolore diffuso
- Crampi notturni
- Astenia 

Le gambe gonfie possono anche essere il sintomo principale di un linfedema: un accumulo di liquidi nello spazio interstiziale dovuto a un’insufficienza del sistema linfatico.

Quali sono le cause delle gambe gonfie

Le gambe gonfie possono dipendere da una varietà di fattori e di patologie in corso. In molti casi, questa condizione scaturisce da ritenzione idrica o da infiammazioni dei tessuti o delle articolazioni degli arti inferiori. Inoltre, molte patologie sistemiche presentano questo sintomo, sia quelle a carico delle strutture ossee e muscolari, che quelle che colpiscono organi come fegato, reni e circolazione sanguigna. 

Tra le cause delle gambe gonfie, quindi, possiamo elencare:

- Ritenzione idrica
- Traumi o infiammazioni agli arti inferiori 
- Problemi circolatori 
- Trombosi 
- Vene varicose 
- Diabete
- Cirrosi epatica
- Gotta
- Linfedema
- Insufficienza renale
- Tumore alla prostata
- Malattie cardiache 
- Gravidanza

Le gambe gonfie in gravidanza dipendono da una cascata di meccanismi conseguenti all’alterazione dell’equilibrio ormonale e delle strutture. L’ingrandimento dell’utero, per esempio, comprime la vena cava e le vene iliache, portando a un rallentamento del ritorno venoso con conseguente gonfiore. 

Gambe gonfie: i rimedi del farmacista

I rimedi per le gambe gonfie dipendono, il più delle volte, dal trattamento della patologia che le ha causate. Oltre ai trattamenti specifici legati alle diverse malattie, le gambe gonfie possono comunque essere curate prestando attenzione ad alcuni accorgimenti quotidiani. 

Un’alimentazione controllata e un’attività fisica costante, infatti, migliorano la condizione del circolo sanguigno ed evitano un cattivo ritorno venoso. Per questo, sono consigliati integratori come Vendep per il microcircolo o crema gambe rinfrescante, in caso di gonfiore e pesantezza degli arti inferiori. Se si soffre di ritenzione idrica si può utilizzare un integratore che favorisce il drenaggio dei liquidi in eccesso. Per il ripristino della circolazione e il riassorbimento dei liquidi, inoltre, è indicato l’utilizzo di calze elastiche a compressione graduata.