Che cosa significa l'acronimo SPF sui solari?

Scopri tutto quello che c'è da sapere sul fattore protettivo

 

Che cosa significa l'acronimo SPF sui solari?

Ti sei domandato anche tu che significato ha la dicitura SPF sul tuo solare? Leggi l’articolo e lo scoprirai. Dopo un’attenta lettura avrai più chiara la scelta per il solare più adatto a te e cosa fare per una giusta protezione contro i danni del sole.

SPF significato:

SPF è l’acronimo di Sun Protection Factor (fattore di protezione solare) ed indica quindi il grado di protezione contenuto nel prodotto contro i raggi UV.

Il grado di protezione è dato da un numero specifico (6,10,15,20,25,30,50, 50+, 100) sotto il quale il prodotto non è più definito solare. Maggiore è il grado di protezione, maggiore sarà il numero presente accanto alla dicitura SPF e maggiore sarà la protezione alle radiazioni ultraviolette.

Dunque una crema viso SPF 30 è una protezione alta mentre una crema SPF 50+ è molto alta, in ogni caso la scelta del solare dipende da differenti fattori che scopriremo più avanti.

SPF e i raggi UV

È bene sapere che la protezione indicata dalla dicitura SPF fa riferimento alla capacità nei confronti dei raggi UVB e non dai raggi UVA.

La protezione dai raggi UVA è invece indicata con gli acronimi PPD e IPD. I raggi UVB generano l’abbronzatura ma anche eritemi e scottature mentre gli UVA stimolano lo sviluppo della melanina ma sono anche responsabili dell’invecchiamento cutaneo.

Inoltre i raggi UVA sono sempre presenti e sono in grado di oltrepassare anche i vetri. Sarebbe quindi opportuno utilizzare un prodotto solare che le contenga entrambe le protezioni e applicarlo durante tutto l’anno. La cute non curata può riportare anche danni permanenti e quindi va protetta anche in assenza di sole.(leggi anche: Melanoma cutaneo: ecco come proteggere i nei dal sole)

Quale SPF utilizzare per la tua pelle?

Per determinare il grado del fattore protezione bisogna tenere in considerazione diversi elementi.

Primo di tutti il fototipo (che indica la qualità e la quantità di melanina nella pelle):

Chi ha un fototipo basso dovrebbe scegliere una protezione alta o molto alta, mente chi invece ha un fototipo alto può utilizzare un fattore SPF più basso. (leggi anche: perchè preparare la pelle al sole con gli integratori di melanina)

Altri elementi da tenere in considerazione sono: la presenza o meno di patologie cutanee, la tipologia di pelle, il tempo di esposizione e il luogo dove avviene l’esposizione.

Esposizione ai raggi solari: come proteggere la pelle?

Per potersi proteggere in modo adeguato dai raggi del sole, la scelta del giusto fattore di protezione in base al tipo di pelle non basta. È necessario infatti anche utilizzare la giusta quantità di solare e applicarla in modo corretto.

Utilizzare una quantità di prodotto non sufficiente alla superficie da proteggere non garantisce il livello di protezione indicato dalla dicitura SPF. Inoltre non applicare la protezione con frequenza, dopo aver sudato, dopo essersi bagnati o asciugati espone la pelle ai danni del sole. La crema solare va applicata almeno 15 minuti prima dell’esposizione su tutto il corpo. Ogni parte del corpo richiede una protezione specifica e va applicata sempre in abbondanza

Per una protezione adeguata è anche importante non utilizzare il solare dell’anno precedente. I solari durano circa 12 mesi dall’apertura della confezione ma ad essere determinante è il mondo in cui vengono conservati.

è opportuno conservare il solare in un luogo asciutto e fresco e quando si è al mare è bene tenerlo all'ombra.

Inoltre per prendere il sole in modo corretto è importante che l'esposizione ai raggi solari avvenga nelle ore meno calde. è consigliato quindi esporsi in mattinata e nel tardo pomeriggio perché nessun solare garantisce uno schermo totale dai raggi UV.

Sono abbronzato e quindi evito la protezione: giusto o sbagliato?

Sbagliato. I fototipi più scuri hanno una maggiore quantità di melanina che assorbe una parte delle radiazioni solari ma questa non riesce a fare da schermo come le creme solari. I prodotti con SPF permettono in ogni caso l’abbronzatura, ma questa è più duratura e non traumatica per la pelle. Utilizzare la protezione non consente però di esporti in modo irresponsabile al sole: è opportuno non esporsi nelle ore più calde e utilizzare capello e occhiali. 

Creme solari ed esposizione al sole

Come detto in precedenza la melanina non è capace di assorbire tutte le radiazioni solari per questo è fondamentale utilizzare la crema solare più giusta. Il compito dei prodotti solari è quello di assorbire, disperdere e rifrangere i raggi UV.

I solari oggi presentano differenti formulazioni per adattarsi ad ogni esigenza: oli solari, stick, emulsioni, creme, spray…

Gli oli solari sono più adatti ai fototipi più scuri perché, essendo facilmente spalmabili, creano un filtro sottile. Gli stick solari sono indicati per le zone sensibili come labbra o ascelle. Le creme solari molto dense sono invece indicate per la pelle del viso, i bambini e neonati. è risaputo che i più piccoli non vanno esposti mai direttamente al sole e mai con un prodotto solare con fattore di protezione minore di 50+, è consigliabile quindi utilizzare uno spray solare con SPF50+.

Un passaggio essenziale ma che molti dimenticano è l'uso di un buon doposole! Il suo compito è quello di donare sollievo dal fastidio dell’esposizione ed evitare la formazione di rughe causata agli effetti delle radiazioni UV. Inoltre il doposole mantenendo idratata la pelle permette un'abbronzatura prolungata e omogenea.

Creme SPF viso e make-up

Per non rinunciare ad una buona protezione solare, continuando ad applicare il make-up giornaliero, ti consigliamo di:

- utilizzare delle creme viso SPF con texture leggera o una BB Cream colorata con fattore protettivo alto o molto alto.

- proteggere collo e orecchie con un prodotto solare.

- prima di applicare il rossetto utilizzare uno stick labbra protettivo.

- utilizzare un crema viso SPF 50 prima del trucco.

- utilizzare dopo il trucco un filtro solare fisico (in spray o in polvere) capace di resistere al make-up.

la maggior parte dei prodotti solari presenta un filtro chimico che ha la funzione di non permettere alla pelle di assorbire i raggi solari mentre il filtro fisico crea uno schermo protettivo tra la pelle il sole. Poiché il make-up fa si che la pelle non assorba il filtro chimico, un filtro di tipo fisico permette una maggiore resa e protezione. Una protezione con filtro fisco ha una tenuta più breve e va quindi applicata con frequenza.

Non rovinare la tua estate e previeni le rughe e l'invecchiamento cutaneo, scegli il prodotto solare più adatto a te.