Colite nervosa

Dolore, crampi e gonfiore addominale? Sono sintomi legati a questo disturbo psico-fisico

 

Cos’è la colite nervosa

La colite nervosa, conosciuta anche come colite spastica o sindrome del colon irritabile, è un insieme di disturbi che affliggono il tratto intestinale chiamato colon. Questa patologia è una condizione cronica che può richiedere anche un lungo trattamento. Le cause che portano all’insorgenza della colite nervosa non sono ancora del tutto chiare ma, alla base di questa condizione, c’è una comunicazione anomala tra l’encefalo, le fibre nervose che innervano l’intestino e i muscoli intestinali. 

La colite nervosa non causa alterazioni a carico dell’anatomia intestinale, non favorisce la comparsa di tumori del colon-retto (a differenza delle malattie infiammatorie intestinali) ed è influenzata da stress e disturbi psicologici.

Quali sono i sintomi della colite nervosa 

I sintomi della colite nervosa variano da paziente a paziente e, nella maggior parte dei casi, questa condizione alterna periodi in cui le manifestazioni sono molto intense a periodi in cui sono quasi del tutto assenti. Come abbiamo già visto, la colite nervosa non induce cambiamenti nell’anatomia intestinale e, proprio per questo, a differenza di malattie infiammatorie più gravi non è causa di febbre, perdita di peso e sangue nelle feci. La presenza continuativa e trascurata di questo disturbo, però, può provocare conseguenze spiacevoli come, per esempio, emorroidi e malnutrizione

Tra i sintomi della colite nervosa possiamo trovare:


- Dolore addominale
- Crampi addominali 
- Gonfiore 
- Meteorismo 
- Presenza di muco nelle feci
- Diarrea spastica o costipazione

Durante le manifestazioni cliniche di questa patologia si possono alternare episodi di diarrea violenta a episodi di stitichezza. Tendenzialmente, chi soffre di colite spastica presenta anche disturbi dello spettro psicologico come depressione, ansia e stress. Questa correlazione è, ancora oggi, motivo di studio.

Quali sono le cause della colite nervosa

La colite nervosa colpisce circa il 15% della popolazione dei paesi sviluppati ma, nonostante l’alta incidenza e i numerosi studi in merito, le cause precise di questa affezione patologica non sono ancora chiare. 

Il cervello e l’intestino sono strettamente collegati attraverso un’ampia rete di nervi e, alla base della colite nervosa, potrebbe esservi proprio un’anomala comunicazione attraverso questa rete neurale. A livello anatomico, le fibre muscolari dell’intestino consentono il transito del cibo e il proseguimento del processo digestivo attraverso contrazioni ritmiche. La colite nervosa induce contrazioni violente e durature (motivo per cui viene chiamata anche colite spastica) che portano a diarrea e gonfiore. In alcune circostanze, questi spasmi sono molto più deboli del normale e coincidono con i giorni di costipazione. 

Le cause della colite nervosa sono di varia natura e influenzate da fattori di rischio, tra cui:


- Stress
- Alterazioni ormonali (ciclo mestruale)
- Malattie infettive intestinali 
- Disturbi dello spettro psicologico
- Assunzione di alcuni cibi 

Colite nervosa: i rimedi del farmacista


La terapia per la colite nervosa si basa su alcuni principi che regolano lo stile di vita. La dieta per la colite nervosa è fondamentale e alcuni cibi o bevande sono nemici di questa patologia come, per esempio: caffè, alcol, latte, cibi grassi, spezie, cioccolato, frutta, alcuni tipi di verdure.

I medici sono ancora in disaccordo su come curare la colite nervosa, considerando che non esiste una terapia risolutiva, tuttavia, diete controllate e farmaci per alleviare i sintomi offrono ottimi risultati. 

Generalmente, vengono utilizzati farmaci antispastici come Buscopan per regolarizzare la contrazione intestinale e l’antidiarrea Dissenten per evitare la comparsa di questo sintomo. Anche gli integratori alimentari di fibre sono molto utili, in quanto causano un minore gonfiore addominale rispetto alle fibre contenute nei cibi. L’aspetto psicologico, poi, è fondamentale e, se si soffre di depressione o ansia, risolvere questi disturbi porta giovamento anche al nostro intestino. Nei periodi di forte stress si possono assumere, infatti, compresse di Valeriana per ridurre la tensione e facilitare un sonno regolare.