Allergie stagionali: quanto durano e come affrontarle con le fioriture

Etciù! Ecco quanto durano e come combattere i sintomi delle allergie stagionali

 

SOS starnuti e naso chiuso? Ecco come combattere le allergie stagionali

Finalmente la primavera si avvicina, ma tu temi di avere di nuovo a che fare con starnuti, lacrimazione e congestione nasale?

Se già negli scorsi anni hai accusato difficoltà respiratorie e fastidi di vario genere stando all’aria aperta, questa volta dovresti proprio seguire alcuni consigli pratici che ti aiuteranno a limitare la reazione allergica e godere delle belle giornate.

Vediamo, allora, quanto durano le allergie stagionali, come prevenirle e come curarne i sintomi.

Allergie stagionali: cosa sono e come si manifestano

In generale l’allergia è una reazione-risposta del sistema immunitario al contatto con una sostanza estranea, definita allergene.

Nello specifico, le allergie stagionali si manifestano in concomitanza dei cambiamenti climatici che avvengono per lo più in primavera, come la fioritura di piante e fiori, che liberano nell’aria sostanze altamente allergeniche: i pollini delle graminacee, per esempio, sono i responsabili principali delle maggior parte delle allergie.

Nei soggetti predisposti, infatti, il sistema immunitario individua queste sostanze come pericolose e produce degli anticorpi che stimolano i mastoiditi, delle cellule immunitarie che liberano l’istamina, una sostanza che provoca l’infiammazione. Per questo, i sintomi tipici dell’allergia sono:

- Starnuti.

- Continua rinorrea e prurito al naso.

-Congestione delle mucose nasali.

- Congiuntivite con arrossamento, prurito e lacrimazione.

E, nei casi più gravi, è possibile che si manifestino anche altri sintomi, come:

- Asma.

- Eruzioni cutanee (eritemi, arrossamento e rush cutanei).

- Senso di oppressione al torace.

- Shock anafilattico.

Quanto durano le allergie stagionali e qual è il calendario dei pollini?

Queste allergie sono definite stagionali perché i pollini sono generalmente allergeni con caratteristiche di diffusione diverse a seconda del periodo di fioritura della pianta (oltre che a seconda delle aree geografiche).

Per capire i mesi più a rischio e arrivare preparati e protetti, è utile conoscere le piante alle quali si è allergici, ma anche il ciclo di vita della pianta stessa, quindi il calendario dei pollini (periodi di impollinazione).

Per esempio, la betullale graminaceeil cipressol’olivo fioriscono in primavera, mentre altre piante, come l’ambrosia e l’artemisia, hanno un periodo di fioritura più tardivo.

I sintomi delle allergie stagionali, quindi, perdurano per tutto il periodo di impollinazione della pianta alla quale si è allergici ed è per questo importante sapere cosa fare in caso di fastidio e come combattere il disturbo. Vediamo come.

Come combattere le allergie di stagione in 5 mosse?

Una volta che hai capito a quale pianta sei allergico e quando ricade la sua impollinazione nel calendario dei pollini, ti sarà senz’altro utile mettere in pratica alcune misure di prevenzione durante tutto il periodo delle allergie.

- Scegli il momento giusto per cambiare l'aria in casa. Il momento della giornata in cui circola meno polline è tra le 6 e le 8 del mattino in città, tra le 19 e le 24 in campagna.

- Evitare di stare all’aperto (o aprire le finestre) subito dopo che è stata tagliata l’erba o dopo un temporale.

- Spolvera e pulisci spesso casa. La pulizia impedisce agli allergeni di depositarsi.

- Non stendere i panni all’aperto. I pollini potrebbero depositarsi sui capi, peggiorando l’allergia. Per lo stesso motivo, è bene cambiare sempre i vestiti appena rientrati a casa e lavarsi i capelli.

- Effettua lavaggi nasali. Soprattutto quando esci, ma comunque quotidianamente, pulisci e idrata le mucose nasali per eliminare i residui di polline che si depositano all’interno del naso, causando la reazione allergica. Puoi utilizzare delle comode fialette monodose di soluzione fisiologica, adatte a bambini e adulti.

I rimedi naturali contro le allergie stagionali

Se, nonostante tutti gli accorgimenti, ti ritrovi ad accusare ancora i fastidi dell’allergia, puoi comunque ricorrere a dei rimedi naturali molto efficaci, come:

1. Suffumigi. Rappresentano il rimedio naturale “della nonna” per eccellenza contro il naso chiuso che cola: basta procurarsi un asciugamano, acqua bollente e un olio essenziale balsamico, come l’olio all’eucalipto.

2. Colliri. Agiscono contro il prurito e puliscono delicatamente l’occhio, eliminando le particelle che causano l’allergia. Ne è un perfetto esempio il collirio Allergodil, efficace proprio contro i sintomi delle congiuntiviti allergiche stagionali.

3. Tisane decongestionanti. È importante bere molto per mantenere alta l’idratazione: infusi e tisane con eucalipto e menta, come la tisana balsamica ed emolliente GrinTuss, possono aiutarti a liberare le vie.

Sullo shop online di Farmacia Europea puoi trovare anche spray nasali con acqua di mare, che decongestionano, detergono e facilitano la rimozione delle particelle irritanti.

Se invece hai bisogno di farmaci contro le allergie stagionali, è bene consultare prima il tuo medico, che potrà prescriverti degli antistaminici in grado di bloccare la produzione di istamina e liberarti dal fastidio.

Contattaci, per ricevere consigli e informazioni!