3 soluzioni per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo

Livelli di colesterolo al limite? Ecco quali sane abitudini adottare

 

Livelli di colesterolo alti o al limite? Ecco come cambiare il proprio stile di vita 

Dopo aver accusato sintomi come difficoltà digestive e spossatezza hai effettuato gli esami del sangue e hai scoperto di avere dei livelli di colesterolo alti o al limite? 

L’ipercolesterolemia, ovvero un valore di colesterolo cattivo (LDL) vicino o superiore a 240 mg/dl, è uno dei fattori di rischio maggiori per le malattie cardiache, quindi è fondamentale non sottovalutare questa condizione, anzi, è importantissimo fare prevenzione!

Cos’è il colesterolo e perché livelli alti sono così pericolosi?

Si tratta di un grasso presente nel sangue che viene in gran parte prodotto dall’organismo e che, in minima parte, è introdotto con la dieta.

In quantità fisiologiche, il colesterolo è coinvolto in diversi processi fondamentali per l’organismo, ma quando è presente in quantità eccessive provoca un processo chiamato aterosclerosi: si deposita sulle pareti delle arterie, provocando lesioni che le ispessiscono e irrigidiscono. Con il tempo possono poi formarsi delle placche che ostacolano, o bloccano del tutto, il flusso sanguigno, il che comporta dei seri rischi a carico del sistema cardiovascolare (infarto, ictus e così via). 

3 modi per tenere a bada i livelli di colesterolo

1. Dieta sana ed equilibrata

Una dieta anticolesterolo deve essere ricca di fibre, utili a rallentare l’assorbimento dei grassi e aumentare il colesterolo HDL, quello buono. Via libera poi a verdura e frutta, che contribuiscono con le vitamine e gli antiossidanti a ridurre il rischio cardiovascolare globale. In particolare poi è possibile sfruttare le proprietà dei frutti di bosco, che contrastano le malattie del sistema cardiocircolatorio, mantenendo pulite le arterie. 

Ottimi i cereali (meglio integrali) e i legumi, da consumare almeno 2 o 4 volte alla settimana. In particolare poi, per tenere bassi i livelli di colesterolo, è importante portare spesso a tavola il pesce azzurro (da preferire alla griglia e al vapore) e fare molta attenzione ai grassi in generale e agli zuccheri.  

2. Attività fisica

Praticare attività fisica contribuisce ad aumentare il colesterolo buono, a scapito di quello cattivo; meglio gli sport aerobici, come ciclismo, ginnastica, aerobica, ballo, nuoto, calcio, basket e pallavolo e camminata a passo svelto. 

Il movimento aiuta ad eliminare i chili di troppo, soprattutto quelli sul girovita: il grasso in questa zona è associato a un rischio cardiovascolare elevato. 

3. Integratori

Tra i rimedi che riducono i livelli di colesterolo nel sangue (oltre ai farmaci che richiedono la prescrizione medica) ci sono una serie di integratori che contribuiscono anche ad aumentare quelli del colesterolo buono e ad abbassare i trigliceridi. 

Tra i migliori integratori troviamo quelli che contengono alcune sostanze molto efficaci:

- Omega 3 (olio di pesce, semi di lino, olio di borragine)

- Soia, lecitina di soia

- Chitosano

- Polifenoli

- Aglio

- Riso rosso fermentato

- Vitamina C ed E

Spesso è possibile trovare questi principi attivi in combinazione con altri elementi che ne potenziano l’effetto o lo migliorano in maniera sinergica, come per esempio gli antiossidanti, il coenzima Q10 e le fibre

Tenere sotto controllo il peso corporeo e i livelli di colesterolo è anche uno dei tanti benefici della spirulina, una micro-alga che è possibile trovare sotto forma di capsule o in polvere da diluire in acqua: ne è un esempio l’integratore bio-spirulina di Arkopharma Laboratories

Acquista sul nostro shop i migliori prodotti, come Lactoflorene Colesterolo, un integratore  di fermenti lattici vivi arricchito con riso rosso fermentato, vitamina PP e coenzima Q10, oppure Multicentrum MyOmega3, mini perle con Omega3 in quantità ultra concentrate e di alta qualità.