SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 34,90€   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

Ritira il tuo ordine dove e quando vuoi! Facile, Veloce, Comodo: Scopri i punti di ritiro!

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 34,90€

3331850577     800699743

Ritira il tuo ordine dove e quando vuoi! Facile, Veloce, Comodo: Scopri i punti di ritiro!

Laevolac - Foglietto Illustrativo

Laevolac Ŕ uno sciroppo che contiene Lattulosio, un lassativo in grado di stimolare la modalitÓ intestinale


Indice Foglietto Illustrativo

  1. Cos’è
  2. Formulazione
  3. A cosa serve
  4. Principio Attivo
  5. Precauzioni per l'uso
  6. Gravidanza e allattamento
  7. Modalità d'uso
  8. Dosaggio
  9. Effetti collaterali
  10. Scadenza e conservazione

 

Laevolac 66, 7 g/100 ml sciroppo 

 

Cos’è Laevolac 

 

Laevolac è uno sciroppo che contiene Lattulosio, un lassativo in grado di stimolare la modalità intestinale, indicato negli adulti ai bambini per il trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.

 

Laevolac: formulazioni 

 

 

A cosa serve Laevolac 

 

Laevolac è un medicinale a base di Lattulosio, uno zucchero sintetico che funge da lassativo in grado di stimolare la modalità intestinale. Questo sciroppo è indicato negli adulti e nei bambini per il trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.

Rivolgersi al medico se non si notano miglioramenti o si notano peggioramenti dopo 7 giorni di trattamento.

 

Principio attivo Laevolac 

 

Il principio attivo alla base di Laevolac è il Lattulosio, un lassativo che agisce sulla motilità intestinale.

Il Lattulosio è uno zucchero sintetico che agisce richiamando acqua e sali minerali nell'intestino, aumentando così la massa delle feci e stimolando le contrazioni dell'intestino.

 

Precauzioni per l’uso 

 

Evitare di assumere Laevolac in presenza di una delle seguenti condizioni:

  • Allergia a principio attivo o ad altri componenti di questo medicinale
  • Dolore all'addome
  • Episodi di nausea o vomito
  • Ostruzione o restringimento dell'intestino
  • Perdita di sangue dal retto
  • Grave disidratazione

Anzitutto, è bene tenere presente che, nella maggior parte dei casi, una dieta bilanciata e ricca di acqua e fibre può risolvere il problema della stitichezza. Molte persone credono di soffrire di stitichezza se non riescono ad evacuare una volta al giorno.

Questa convinzione è errata poiché si tratta di una situazione normale per un gran numero di individui. La stitichezza avviene quando le evacuazioni sono ridotte rispetto alle personali abitudini e sono associate all'emissione di feci dure.

Consultare il medico quando la necessità del lassativo deriva da un improvviso cambiamento delle precedenti abitudini intestinali che duri da più di due settimane o quando l'uso del lassativo non riesce a produrre effetti.

L'uso frequente o prolungato o con dosi eccessive di lassativi può causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali e altri fattori nutritivi essenziali. Nei casi più gravi può insorgere disidratazione o ipopotassiemia che possono causare disturbi cardiaci o neuromuscolari.

Prima di assumere Laevolac informare il medico del trattamento, anche recente, con qualsiasi altro medicinale. Evitare l'assunzione contemporanea di lassativi ed altri farmaci: in caso di assunzione di un altro medicinale lasciare trascorrere un intervallo di almeno due ore prima di usare lassativo. Inoltre, informare il medico se si stanno utilizzando neomicina e altri antibiotici o digitale.

Laevolac contiene galattosio, fruttosio e lattosio come eccipienti.

 

Gravidanza e allattamento 

 

L’utilizzo di Laevolac durante la gravidanza o durante l’allattamento al seno con latte materno deve essere preso in considerazione solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo medico.

 

Come prendere Laevolac 

 

La posologia e la durata del trattamento con Laevolac devono essere stabiliti dal medico in base al tipo di patologia e allo stato di salute generale del paziente.

La formulazione farmaceutica sciroppo deve essere ingerita insieme ad una adeguata quantità di acqua (un bicchiere abbondante) e assunta preferibilmente la sera. Una dieta ricca di liquidi favorisce l'effetto del medicinale.

Per qualsiasi dubbio o incertezza sulla modalità di assunzione contattare il medico o il farmacista.

 

Laevolac: dosaggio 

 

La dose raccomandata negli adulti e negli adolescenti di età maggiore di 14 anni varia da 1 cucchiaio da tavola fino a 2-3 al giorno, a seconda del livello di stipsi.

La dose raccomandata nei bambini dai 6 ai 14 anni è di 1 cucchiaio da tavola al giorno mentre, la dose raccomandata da uno a sei anni di età è di 1-2 cucchiaini da caffè al giorno.

Nei lattanti, la dose raccomandata consiste in un cucchiaino da caffè al giorno. In genere, un cucchiaio da tavola corrisponde a 15 ml di sciroppo mentre, un cucchiaino da caffè corrisponde a 5 ml.

La dose corretta è quella minima sufficiente per produrre una facile evacuazione di feci molli per cui, si raccomanda di utilizzare inizialmente le dosi minime previste. Quando necessario la dose può essere aumentata.

I lassativi devono essere utilizzati il meno frequentemente possibile e per non più di 7 giorni.

Il sovradosaggio può causare produzione di gas, meteorismo, flatulenza e crampi addominali.

In caso di assunzione/ingestione accidentale di una dose elevata di Laevolac contattare il medico o recarsi al più vicino ospedale.

Non assumere una dose doppia del farmaco per compensare l’eventuale dimenticanza della dose precedente. 

 

Effetti collaterali

 

Come tutti i medicinali anche Laevolac può provocare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino, tra cui:

  • Dolore addominale 
  • Flatulenza
  • Meteorismo 
  • Perdita di elettroliti

Tali effetti indesiderati sono, in genere, di lieve entità e recedono spontaneamente dopo i primi giorni di trattamento.

 

Scadenza e conservazione

 

La data di scadenza di Laevolac è riportata direttamente sulla confezione e sul flacone al suo interno. La scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Conservare a temperature inferiori ai 25 °C. Lo sciroppo può essere utilizzato per un massimo di 12 mesi dalla prima apertura del flacone, a patto che venga conservato a temperatura inferiore a 25 °C.

Non gettare il medicinale nell’acqua di scarico o nei rifiuti domestici. Chiedere sempre al farmacista come smaltire i medicinali scaduti o non utilizzati.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea Ŕ autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.