SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 25€   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 24,99€

3331850577     800699743

Cardura: foglietto illustrativo

Cardura un farmaco contenente la sostanza attiva doxazosina, che appartiene al gruppo dei medicinali denominati alfa-bloccanti

Indice Foglietto Illustrativo

  1. Cos’è
  2. Formulazione
  3. A cosa serve
  4. Principio Attivo
  5. Precauzioni per l'uso
  6. Gravidanza e allattamento
  7. Modalità d'uso
  8. Dosaggio
  9. Effetti collaterali
  10. Scadenza e conservazione

 

Cardura 2 mg compresse

Cardura 4 mg compresse

 

Cos’è Cardura

 

Cardura è un farmaco contenente la sostanza attiva doxazosina, che appartiene al gruppo dei medicinali denominati alfa-bloccanti, indicato negli adulti per il trattamento della pressione sanguigna elevata, ovvero l'ipertensione essenziale.

 

Cardura: formulazioni

 

  • Cardura 2 mg compresse; Cardura 4 mg compresse

 

A cosa serve Cardura

 

Cardura è un farmaco che appartiene ad un gruppo di medicinali denominati alfa-bloccanti, Indicato per il trattamento della pressione sanguigna elevata.

Il medicinale agisce rilassando i vasi sanguigni, consentendo al sangue di passare più facilmente attraverso di essi.

Questo aiuta ad abbassare la pressione sanguigna e a trattare gli stati di ipertensione.

 

Principio attivo Cardura

 

Il principio attivo alla base di Cardura è doxazosina, un medicinale alfa-bloccante selettivo per i recettori alfa 1 adrenergici, utilizzato per il trattamento dell'ipertensione essenziale.

Il principio attivo è in grado di agire selettivamente sui recettori alfa 1 adrenergici, espressi sulla superficie delle cellule muscolari lisce vascolari, inibendone l'attivazione e la conseguente contrazione.

Questo effetto si traduce in una riduzione della vasocostrizione periferica arteriolare, con un calo della pressione arteriosa.

 

Precauzioni per l'uso

 

È necessario evitare l'assunzione di Cardura in caso di:

  • Allergia al principio attivo o altri componenti del farmaco
  • Allergia ad altri tipi di Chinazoline
  • Ipertrofia prostatica benigna
  • Ipotensione ortostatica 
  • Incontinenza urinaria 

Inoltre, informare il medico prima di prendere Cardura in caso di:

  • Malattie del cuore
  • Malattie del fegato 
  • Medicinali per l’impotenza 
  • Medicinali per il trattamento della pressione sanguigna 
  • Medicinali per il trattamento delle infezioni batteriche e micotiche 
  • Medicinali utilizzati per il trattamento dell’HIV
  • Trattamento con Nefazodone, un medicinale per il trattamento della depressione

All'inizio del trattamento con Cardura può capitare di avvertire un senso di debolezza, capogiri e virgola raramente, svenimenti causati da un abbassamento della pressione sanguigna all'atto di alzarsi dalla posizione seduta da sdraiata.

Prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico agli occhi per la cataratta, comunicare all'oculista prima dell'operazione l'utilizzo o il precedente utilizzo di Cardura

Il farmaco, infatti, può causare delle complicazioni durante l'intervento chirurgico che possono essere gestite se lo specialista viene avvertito in anticipo.

Durante il trattamento possono verificarsi molto raramente erezioni del pene dolorose persistenti. Se questo accade, contattare immediatamente un medico.

Il farmaco contiene lattosio come eccipiente.

 

Gravidanza e allattamento 

 

La sicurezza d'impiego di Cardura durante la gravidanza non è stata stabilita. Pertanto, se è in corso una gravidanza assumere il farmaco solo in casi di estrema necessità.

Cardura passa nel latte materno in piccole quantità. Non allattare al seno, a meno che il medico non consigli di farlo.

 

Come prendere Cardura

 

La posologia e la durata del trattamento con Cardura vengono stabilite dal medico in base alla patologia e alla manifestazione sintomatica.

La formulazione farmaceutica compresse deve essere deglutita con l'aiuto di un po’ d'acqua e può essere assunta indifferentemente al mattino o alla sera.

Se necessario, il medico potrà prescrivere Cardura insieme ad altri medicinali per raggiungere l'effetto desiderato.

Per qualsiasi dubbio o incertezza sulla modalità di assunzione contattare il medico o il farmacista.

 

Cardura: dosaggio 

 

La dose iniziale raccomandata di Cardura è di 1 mg somministrato in dose singola tutti i giorni.

Dopo una o due settimane il medico potrebbe aumentare la dose a 2 mg al giorno. Se necessario, dopo un ulteriore periodo di una o due settimane, il medico potrà decidere di aumentare di nuovo la dose fino a 4 mg al giorno.

In alcuni casi, la dose può essere aumentata fino a un massimo di 16 mg al giorno. La dose abituale di 2-4 mg al giorno.

Il sovradosaggio può comportare un'eccessiva diminuzione della pressione sanguigna. Se ciò dovesse accadere, mettersi in posizione supina.

In caso di assunzione/ingestione accidentale di una dose elevata di Cardura contattare il medico o recarsi al più vicino ospedale.

Non assumere una dose doppia del farmaco per compensare l’eventuale dimenticanza della dose precedente. 

 

Effetti collaterali

 

come tutti i medicinali anche Cardura può provocare la comparsa di effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone manifestino, tra cui:

  • Dolore al torace, dolore al petto (angina, infarto del miocardio)
  • Dispnea accompagnata da broncospasmo
  • Mal di testa, debolezza, sensazione di svenimento, problemi nel parlare (segni di ictus)
  • Rigonfiamento del viso
  • Reazioni allergiche

La manifestazione di uno o più di questi sintomi può indicare un effetto indesiderato molto grave per cui, interrompere immediatamente il trattamento e chiamare un'ambulanza. Altri effetti indesiderati riguardano:

  • Tachicardia
  • Palpitazioni
  • Ittero
  • Vertigini 
  • Mal di testa
  • Pressione bassa
  • Rigonfiamento dei piedi o caviglie 
  • Bronchite, tosse
  • Naso chiuso, starnuti 
  • Incontinenza urinaria
  • Infezione delle vie urinarie 
  • Cistite 
  • Sonnolenza
  • Prurito 
  • Dolore al torace
  • Dolori muscolari 
  • Sintomi simil-influenzali
  • Costipazione, flatulenza
  • Crampi muscolari
  • Aumento della frequenza nella minzione 
  • Epatite
  • Colestasi 
  • Porpora
  • Formicolio 
  • Offuscamento della vista
  • Erezione dolorosa
  • Eiaculazione retrograda 

 

Scadenza e conservazione

 

La data di scadenza di Cardura è riportata direttamente sulla confezione e sul blister al suo interno. La scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Non gettare il medicinale nell’acqua di scarico o nei rifiuti domestici. Chiedere sempre al farmacista come smaltire i medicinali scaduti o non utilizzati.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.