SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 25   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

Solo per 48 Ore, per ordini superiori a 49,99€, riceverai la nostra tazza in OMAGGIO! 🎁

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 25€

3331850577     800699743

Ipertrofia prostatica

Aumento di volume della ghiandola prostatica che causa disturbi ostruttivi e irritativi

Ipertrofia prostatica

Cos’è l’ipertrofia prostatica 

L’ipertrofia prostatica, conosciuta anche con l’acronimo IPB, è una malattia benigna che colpisce la prostata e si caratterizza per un’eccessiva proliferazione del tessuto prostatico.

Malattia molto comune, soprattutto negli uomini dopo i 40 anni, si può considerare come un normale stadio fisiologico che accompagna l’invecchiamento. Alla base di questa malattia ci sono processi fisiologici in cui la ghiandola prostatica tende a modificare il proprio volume, per effetto di variazioni ormonali e dell’azione di numerosi fattori di crescita. Il risultato finale di questa eccessiva proliferazione del tessuto porta all’ingrossamento della prostata con la comparsa di sintomi urinari. 

Quali sono i sintomi dell’ipertrofia prostatica 

Quando compare ipertrofia prostatica, l’aumento di volume della prostata comprime l’uretra, il canale che trasporta l’urina dalla vescica all’esterno, facendo in modo che i sintomi si presentino in maniera graduale. Questa patologia non sempre evolve con la stessa velocità e capita che, a volte, un incremento di volume della prostata non determini disturbi rilevanti. I segni distintivi sono di tipo ostruttivo e irritativo e sono spesso accompagnati da sensazione di incompleto svuotamento vescicale. 

Tra i sintomi dell’ipertrofia prostatica troviamo:


- Aumento della frequenza urinaria notturna e diurna
- Difficoltà nell’iniziare a urinare 
- Diminuzione del getto di urina 
- Piccole quantità di sangue nelle urine
- Sangue nel liquido seminale 
- Dolore durante la minzione
- Sgocciolamento

Questi sintomi possono manifestarsi anche in presenza di infezioni urinarie, prostatiti o cancro della prostata. Motivo per cui, quando insorgono, è buona norma rivolgersi subito a un medico. 

Quali sono le cause dell’ipertrofia prostatica 

Come abbiamo già accennato, l’ipertrofia prostatica è una malattia età-dipendente. Con l’avanzare dell’età, infatti, la ghiandola prostatica tende a modificare il volume e la propria consistenza come risposta allo squilibrio che si viene a creare tra ormoni androgeni ed estrogeni a favore di questi ultimi, fenomeno tipico dell’andropausa. Inoltre, sussistono fattori di rischio provati che possono predisporre a questa patologia. 

Tra le cause di ipertrofia prostatica possiamo citare:


- Età
- Familiarità 
- Inattività fisica
- Malattie cardiovascolari 
- Diabete 

L’attività sessuale non è preclusa ai soggetti che soffrono di questa patologia ma, esiste una correlazione tra ipertrofia prostatica benigna e rapporti sessuali perché, con il passare del tempo l’IPB provoca alterazioni di tutto l’apparato urogenitale con alcuni casi di disfunzione erettile.

Ipertrofia prostatica: i rimedi del farmacista 

I rimedi per l’ipertrofia prostatica benigna sono variabili e dipendono, sostanzialmente, dalla sintomatologia associata. Generalmente, gli approcci medici possono essere divisi in terapia farmacologica e terapia chirurgica. I farmaci per l’ipertensione prostatica sono essenzialmente di due tipi: alfa-antagonisti e inibitori della 5-alfa-reduttasi. Queste molecole riducono il tono muscolare e inibiscono la crescita volumetrica. 

Tuttavia, non sono esenti da effetti collaterali. Esistono anche dei rimedi naturali per l’ipertrofia prostatica come gli integratori a base di Serenoa repens o il soft gel Urogermin, che hanno un effetto analogo della 5-alfa-reduttasi, seppur con un efficacia più modesta. Per favorire la funzionalità fisiologica e depurativa dell’organismo, si può utilizzare anche la radice di ortica

 

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea è autorizzata alla dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.