SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 29,99€   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

📆Scopri il nostro Calendario dell'Avvento digitale🎄

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 29,99€

3331850577     800699743

Rivotril - Foglietto Illustrativo

Rivotril un antiepilettico a base di clonazepam appartenente alla classe dei medicinali chiamati benzodiazepine

Indice Foglietto Illustrativo

  1. Cos’è
  2. Formulazione
  3. A cosa serve
  4. Principio Attivo
  5. Precauzioni per l'uso
  6. Gravidanza e allattamento
  7. Modalità d'uso
  8. Dosaggio
  9. Effetti collaterali
  10. Scadenza e conservazione

Rivotril 0,5 compresse

Rivotril 2 mg compresse

Rivotril 2,5 mg/ml gocce orali soluzione

 

Cos’è Rivotril

Rivotril è un antiepilettico a base di clonazepam appartenente alla classe dei medicinali chiamati benzodiazepine, indicato nei neonati, nei bambini e negli adulti per il trattamento di alcune forme di epilessia.

 

Rivotril: formulazioni

 

  • Rivotril 0,5 mg compresse; Rivotril 2 mg compresse; Rivotril 2,5 mg/ml gocce orali soluzione

 

A cosa serve Rivotril

 

Rivotril è indicato per il trattamento nei neonati e nei bambini di alcune forme di epilessia, tra cui:

  • Piccolo male tipico o atipico
  • Crisi tonico-cloniche generalizzate, primarie o secondarie
  • Stato di male in tutte le sue forme

Rivotril, inoltre, è indicato nel trattamento dell’epilessia nell’adulto e nelle crisi focali, ovvero quando la crisi epilettica è dovuta ad alterazione di una parte del cervello e si manifesta in base all’area colpita.

Il piccolo male è la forma di epilessia in cui il soggetto si ferma d’improvviso, guarda nel vuoto, compie gesti automatici e pronuncia parole e frasi senza senso.

Le crisi tonico-cloniche sono crisi associate all’epilessia caratterizzate da una prima fase, nella quale la persona diviene incosciente e i muscoli si irrigidiscono, e una seconda fase in cui i muscoli iniziano a contrarsi e rilassarsi rapidamente, causando convulsioni.

Lo stato di male è una grave complicazione dell’epilessia caratterizzata da crisi prolungate e/o mancanza di ripresa dei sensi tra una crisi e l’altra.

 

Principio attivo Rivotril

 

Il principio attivo alla base di Rivotril è il clonazepam, un medicinale di derivazione benzodiazepinica che appartiene alla classe delle nitrobenzodiazepine.

Il clonazepam è considerato come una benzodiazepina ad alta potenza ed è relativamente poco sedativo rispetto ad altri medicinali della stessa classe, se comparato alla sua azione ansiolitica e antiepilettica.

Il meccanismo d’azione di Rivotril è legato alla capacità del principio attivo di interferire con la trasmissione nervosa mediata dall’acido gamma-aminobutirrico (GABA).

Il clonazepam si lega al recettore GABA-A promuovendo i segnali inibitori della trasmissione nervosa.

 

Precauzioni per l’uso

 

È assolutamente vietato assumere Rivotril in caso di:

  • Allergia al principio attivo o ad uno degli altri componenti 
  • Gravi malattie del fegato
  • Glaucoma
  • Insufficienza renale, respiratoria
  • Abuso di medicinali, droga, alcol

Inoltre, è necessario rivolgersi al medico prima dell’utilizzo di Rivotril in caso di:

  • Depressione, disturbi psicotici
  • Tentativi precedenti di suicidio
  • Difficoltà a deglutire 
  • Malattie respiratorie croniche 
  • Danni al cervello
  • Apnea notturna
  • Disturbi a reni, fegato
  • Porfiria 
  • Abuso di medicinali, droghe o alcol 

Rivotril in compresse contiene lattosio, non assumere in caso di intolleranza a questo zucchero del latte. Le benzodiazepine possono causare amnesia anterograda, specialmente se prese in dosi elevate.

 

Gravidanza e allattamento

 

L’assunzione di Rivotril durante il periodo della gestazione è altamente controindicata e deve avvenire solo in caso di effettiva necessità.

L’uso di medicinali antiepilettici durante la gravidanza aumenta il rischio di malformazioni nel neonato, tra cui labbro leporino, malformazioni del cuore e danni al cervello. In caso di gravidanza inattesa non interrompere in modo brusco il trattamento con Rivotril, ma chiedere sempre consiglio al medico.

Rivotril passa nel latte materno e, pertanto, è opportuno evitare di allattare al seno durante il trattamento.

 

Come prendere Rivotril

 

Rivotril è disponibile nelle formulazioni farmaceutiche compresse o gocce per soluzione orale. Per facilitare la somministrazione, la compressa da 0,5 mg può essere divisa in due metà uguali, mentre quella da 2 mg può essere divisa in metà o quarti uguali.

Per rompere la compressa è sufficiente tenerla con la linea di frattura rivolta verso l’alto e applicare una pressione verso il basso.

Le gocce di Rivotril devono essere somministrate con un cucchiaio o possono essere mescolate con acqua, tè o succo di frutta.

In genere, il medico prescrive il trattamento con dosi basse per poi aumentarle gradualmente nell’arco di 1-3 settimane.

Per qualsiasi dubbio o incertezza sulla modalità di assunzione contattare il medico o il farmacista.


Rivotril: dosaggio 

 

La dose iniziale raccomandata di Rivotril negli adulti viene stabilita dal medico e non deve essere superiore a 1,5 mg al giorno, da dividere in 3 somministrazioni.

La dose raccomandata di mantenimento che viene raggiunta aumentando gradualmente la dose iniziale, varia da 3 a 6 mg al giorno. Se non fosse possibile dividere la dose totale in 3 somministrazioni uguali, assumere quella maggiore prima di andare a dormire. La dose massima consentita è di 20 mg al giorno.

La dose raccomandata nei neonati e nei bambini fino a 30 kg di peso, o fino a 10 anni di età, è compresa tra 0.01-0,03 mg/kg mente la dose di mantenimento è di 0,1 mg/kg. La dose massima consentita è di 0,2 mg/kg al giorno.

Il dosaggio raccomandato nei bambini e negli adolescenti dai 10 ai 16 anni di età è di 1-1,5 mg al giorno nella fase iniziale e da 3 a 6 mg al giorno nella fase di mantenimento.

Il sovradosaggio può comportare apnea, ipotensione, depressione cardiorespiratoria e coma. In caso di assunzione/ingestione accidentale di una dose elevata di Rivotril contattare il medico o recarsi al più vicino ospedale.

 

Effetti collaterali

 

Come tutti i medicinali anche Rivotril può provocare effetti indesiderati, tra cui:

  • Reazioni allergiche 
  • Reazioni anafilattiche 
  • Disturbi dello stato emotivo e dell’umore
  • Reazione paradossa (irritabilità, ansia, psicosi…)
  • Depressione 
  • Sonnolenza
  • Ipotonia muscolare
  • Vertigini 
  • Cefalea
  • Disturbo del linguaggio 
  • Nistagmo reversibile 
  • Diplopia
  • Palpitazioni 
  • Insufficienza cardiaca
  • Arresto cardiaco 
  • Depressione respiratoria 
  • Rinorrea
  • Nausea
  • Gastrite
  • Ingrossamento del fegato
  • Anemia 
  • Orticaria
  • Rash
  • Perdita transitoria dei capelli

Nei bambini effetti collaterali aggiuntivi possono riguardare:

  • Pubertà precoce reversibile
  • Aumento della produzione di saliva o muco

 

Scadenza e conservazione

 

La data di scadenza di Rivotril è riportata direttamente sulla confezione e sul blister/flacone al suo interno. La scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Non conservare le gocce a temperature superiori ai 30°C. 

Non gettare il medicinale nell’acqua di scarico o nei rifiuti domestici. Chiedere sempre al farmacista come smaltire i medicinali scaduti o inutilizzati.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.