SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 29,99€   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 29,99€

3331850577     800699743

Scialoadenite

Tutti i sintomi di questa infiammazione acuta o cronica che colpisce le ghiandole salivari

Scialoadenite

Cos’è la scialoadenite 

La scialoadenite è un’infiammazione che riguarda le ghiandole salivari che si dividono tra parotide, sottomandibolare e sottolinguale e altre ghiandole minori. 

In genere, questa condizione si instaura a seguito di una riduzione della secrezione ghiandolare o per la formazione di un calcolo ostruttivo. Inoltre, può derivare anche da un’infezione primaria sostenuta da stafilococco aureo, streptococco o altri agenti virali. 

Possiamo distinguere due forme di questa patologia: la scialoadenite acuta e la scialoadenite cronica che, in linea di massima, interessa soprattutto la parotide e la ghiandola sottomandibolare. 

La saliva umana, oltre ad un’azione digestiva, svolge un ruolo importante nel contrastare gli agenti patogeni e nel lubrificare il cavo orale. Quando si assiste a una ridotta produzione di secreto, la bocca è esposta a diverse problematiche.

Quali sono i sintomi della scialoadenite 

La maggior parte delle volte la scialoadenite colpisce la parotide e la sottomandibolare; tuttavia, esistono anche rari casi che colpiscono le ghiandole salivari minori, specialmente quelle del palato duro e del labbro. 

Le manifestazioni cliniche più importanti si riscontrano nella scialoadenite acuta mentre, la scialoadenite cronica tende ad essere asintomatica e deriva quasi sempre dalla formazione di calcoli ostruttivi. I disturbi coinvolgono il cavo orale e limitano anche alcune attività come la masticazione, sia per una ridotta produzione di secrezione ghiandolare che per il dolore. 

Tra i sintomi della scialoadenite troviamo:

- Dolore 
- Tumefazione monolaterale 
- Arrossamento
- Eritema ed edema

A questi sintomi possono associarsi febbre, brividi e cefalea. La ghiandola colpita appare dura e diffusamente dolente e, se compressa, può essere soggetta a fuoriuscita di secrezioni purulente.

Quali sono le cause della scialoadenite

I fattori che predispongono a questa patologia sono la disidratazione, la xerostomia, ovvero la secchezza del cavo orale causata da un flusso di saliva ridotto o assente, l’uso di alcuni farmaci come i diuretici e gli antidepressivi e può essere frequente anche in pazienti sottoposti a radioterapia del cavo orale. In altri casi invece, l’infiammazione può essere di natura idiopatica, ovvero senza una causa apparente. 

Tra le cause di scialoadenite possiamo elencare:

- Disidratazione
- Calcoli ostruttivi
- Infezioni del cavo orale
- Riduzione del flusso salivare
- Traumi
- Alcuni farmaci 

Le forme croniche sono dovute principalmente a calcolosi e si presentano in maniera asintomatica, a meno di riacutizzazioni episodiche. La diagnosi per la scialoadenite si basa sull’esame obiettivo e, se persistono dubbi, si ricorre ad esami strumentali come TAC o risonanza magnetica.

Scialoadenite: i rimedi del farmacista

La cura per la scialoadenite varia a seconda di quella che è la causa scatenante ma, in genere, si procede con una terapia antibiotica e abbondante idratazione. La terapia per la scialoadenite, inoltre, si completa con l’uso di agenti che stimolano la salivazione ed una corretta igiene orale, tramite l’uso di dentifricio protettivo e di collutori antisettici che aiutano a prevenire la crescita dei batteri, come colluttorio Curasept

Nelle forme croniche o in quelle recidivanti può essere indicato un trattamento chirurgico che prevede l’asportazione dei calcoli, se presenti, o della ghiandola salivare affetta.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.