SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 25   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

🎅🎁Iscriviti ORA al nostro Calendario dell'Avvento digitale! 🎄⛄

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 25€

3331850577     800699743

Drepanocitosi

Si tratta di una malattia genetica del sangue conosciuta con il nome di anemia falciforme, che colpisce i globuli rossi

Drepanocitosi

Cos’è la drepanocitosi 

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una malattia genetica del sangue, più precisamente dei globuli rossi, caratterizzata da un difetto nella struttura dell’emoglobina, la proteina che lega e trasporta l’ossigeno nel torrente circolatorio. 

In condizioni normali, i globuli rossi hanno una forma arrotondata, simile a un disco, e scorrono molto facilmente anche attraverso i vasi più piccoli. Quando invece si è affetti da drepanocitosi, l’emoglobina precipita e i globuli rossi assumono una forma insolita a forma di falce, diventando rigidi con superficie irregolare. 

A causa di questo cambiamento strutturale, le emazie tendono a ostruire i vasi più piccoli, causando gravi danni ai tessuti che, così, non ricevono più ossigeno. 

Quali sono i sintomi della drepanocitosi 

Trattandosi di una malattia a carattere genetico, i disturbi causati dall’anemia falciforme tendono a comparire in giovane età e già dai primi mesi di vita. 

Si tratta di una patologia che colpisce quasi esclusivamente i soggetti di origine africana, in particolare dell’Africa sub-sahariana, quelli di origine indiana e del Medio Oriente. Il quadro clinico può essere molto vario ed eterogeneo; nei soggetti che presentano un solo gene danneggiato, la malattia non viene espressa, mentre, per i portatori di entrambi i geni alterati, la situazione è ben diversa.

Le manifestazioni cliniche possono essere raggruppate in quelle che vengono chiamate crisi falciformi, con episodi dolorosi, aumentata sensibilità a infezioni e grave anemia. 

Tra i sintomi della drepanocitosi troviamo:

- Dolore acuto
- Occlusione dei vasi sanguigni 
- Sensibilità alle infezioni 
- Stanchezza
- Calcoli biliari
- Aumento di dimensioni della milza e del fegato (sequestro)
- Anemia

 

In media i globuli rossi sani vivono circa 120 giorni, mentre, quelli falciformi, vivono al massimo 10-20 giorni. Questo porta alla comparsa di anemia con tachicardia, mal di testa, vertigini e svenimenti. 

La drepanocitosi è maggiormente diffusa nelle zone dove la malaria presenta un’incidenza più alta: questo perché i portatori sani di questa patologia resistono meglio agli agenti patogeni che causano la stessa malaria.

Quali sono le cause della drepanocitosi

Le cause della drepanocitosi sono esclusivamente genetiche e l’unico modo per contrarre la malattia è quello di ereditare il gene difettoso da entrambi i genitori. 

I geni di ogni persona sono presenti a coppia, con un gene ereditato dalla madre e uno dal padre. Questi contengono un insieme di istruzioni che determinano le caratteristiche di ogni individuo, come il colore degli occhi, i capelli e le proteine che devono essere prodotte, tra cui l’emoglobina

Nelle persone con drepanocitosi, i geni deputati alla produzione di emoglobina sono difettosi e causano lo sviluppo di emoglobina anomala che prende la tipica forma a falce. 

Se entrambi i genitori sono portatori sani, il nascituro avrà il 25% di possibilità di contrarre la malattia, mentre, se un genitore è portatore sano e l’altro non presenta alterazioni genetiche, non è possibile che nasca un figlio malato. 

La diagnosi per la drepanocitosi si esegue tramite un esame del sangue che è possibile effettuare anche durante la gravidanza; questo è fondamentale per iniziare subito le cure e garantire una vita normale al bambino. 

Drepanocitosi: i rimedi del farmacista

La terapia per la drepanocitosi, di solito, si segue per tutta la vita e si basa su farmaci utili ad alleviare i disturbi e a prevenire le manifestazioni.

Inoltre, per ridurre la possibilità che si verifichino episodi di crisi falciformi, è bene evitare possibili fattori scatenanti come la disidratazione, il contatto con il freddo e gli sbalzi di temperatura.

Se gli episodi di dolore sono ricorrenti, si possono gestire attraverso farmaci come Brufen in compresse. Nel caso di anemia falciforme è molto importante fare prevenzione, anche attraverso l’uso di integratori di acido folico, come le bustine di Kentofer o la soluzione orosolubile Sideral

Per ridurre la concentrazione dell’emoglobina difettosa, è possibile anche ricorrere alle trasfusioni di sangue. Nei casi più gravi, infine, il trapianto di cellule staminali o di midollo osseo permette la cura e la guarigione dalla drepanocitosi

Purtroppo, il trapianto è disponibile solo in una ridotta percentuale, sia per la scarsità di donatori adatti, sia per l’elevato numero di effetti indesiderati.

Prodotti correlati

Se hai trovato utile questo articolo potrebbero interessarti anche...

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea č autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.