SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 34,90€   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 34,90€

3331850577     800699743

Vepesid - Foglietto Illustrativo

Vepesid un farmaco a base di etoposide, che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati citostatici, utilizzati nel trattamento dei tumori

Indice Foglietto Illustrativo

  1. Cos’è
  2. Formulazione
  3. A cosa serve
  4. Principio Attivo
  5. Precauzioni per l'uso
  6. Gravidanza e allattamento
  7. Modalità d'uso
  8. Dosaggio
  9. Effetti collaterali
  10. Scadenza e conservazione

Vepesid 50 mg capsule molli

Vepesid 100 mg capsule molli

 

Cos’è Vepesid 

 

Vepesid è un farmaco a base di etoposide, che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati citostatici, utilizzati nel trattamento dei tumori.

Vepesid è indicato nei pazienti adulti, con età superiore ai 18 anni, per il trattamento di alcuni tipi di tumori.

 

Vepesid: formulazioni 

 

  • Vepesid 50 mg capsule molli; Vepesid 100 mg capsule molli.

 

A cosa serve Vepesid 

 

Vepesid è un medicinale citostatico utilizzato negli adulti per il trattamento di alcuni tipi di tumori, tra cui:

  • Cancro del testicolo 
  • Carcinoma polmonare a piccole cellule 
  • Tumore del sangue (leucemia mieloide acuta)
  • Tumori del sistema linfatico
  • Cancro dell’ovaio 

Il motivo della prescrizione di Vepesid deve essere discusso con il medico.

 

Principio attivo Vepesid 

 

Il principio attivo contenuto in Vepesid è etoposide, che appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati citostatici.

Dati sperimentali indicano che questo principio attivo arresta il ciclo delle cellule durante la replicazione, rompendo il doppio filamento di DNA grazie all’interazione con alcuni enzimi cellulari.

 

Precauzioni per l’uso 

 

Evitare l’utilizzo di Vepesid nelle seguenti condizioni:

  • Allergia al principio attivo o ad altri componenti del medicinale 
  • Somministrazione recenti di un vaccino vivo, incluso quello per la febbre gialla

Un trattamento oncologico efficace può distruggere le cellule tumorali rapidamente e in grande quantità. Molto raramente, questo può far sì che vengano rilasciate nel sangue quantità dannose di sostanze derivanti da queste cellule tumorali. In tal caso, possono manifestarsi problemi al fegato, ai reni, al cuore o al sangue, che possono essere fatali se non trattati.

Per evitare ciò, il medico sottoporrà il paziente ad esami del sangue regolari per monitorare il livello di queste sostanze durante il trattamento con questo farmaco.

Rivolgersi al medico prima di iniziare la terapia con Vepesid in caso di:

  • Infezioni in corso 
  • Bassi livelli di albumina nel sangue 
  • Problemi al fegato o ai reni 
  • Recenti seduti di radioterapia o chemioterapia 

Vepesid può causare una riduzione del livello di alcune cellule sanguigne, che potrebbero portare a infezioni, oppure far sì che il sangue non coaguli come dovrebbe, qualora subentri un sanguinamento. Per evitare ciò, è necessario sottoporsi ad esami del sangue prima dell'inizio del trattamento e prima dell'assunzione di ogni dose.

La sicurezza e l'efficacia di Vepesid nei pazienti pediatrici non sono state stabilite.

Informare il medico del trattamento, anche recente, con qualsiasi altro medicinale. In particolare:

  • Ciclosporina 
  • Cisplatino 
  • Fenitoina o altri antiepilettici 
  • Warfarin
  • Vaccini vivi 
  • Fenilbutazone, salicilato di sodio o acido acetilsalicilico 
  • Antracicline
  • Altri medicinali simili 

Vepesid contiene sodio p-idrossibenzoato di etile e sodio p-idrossibenzoato di propile come eccipienti.

 

Gravidanza e allattamento 

 

L’utilizzo di Vepesid è controindicato durante la gravidanza, se non chiaramente indicato dal medico. Durante l’assunzione di Vepesid non è consentito l’allattamento al seno con latte materno.

I pazienti di sesso maschile e femminile in età fertile devono adottare un metodo contraccettivo efficace durante e per almeno 6 mesi dopo la fine del trattamento con questo medicinale.

Ai pazienti di sesso maschile in trattamento con Vepesir si raccomanda di non concepire figli durante il trattamento e nei 6 mesi dopo la fine del trattamento. Inoltre, si consiglia ai pazienti di sesso maschile di richiedere una consulenza sulla conservazione dello sperma prima di iniziare tale trattamento.

 

Come prendere Vepesid 

 

La posologia e la durata del trattamento con Vepesid devono essere stabilite dal medico in base al tipo di patologia e allo stato di salute generale del paziente.

La formulazione farmaceutica capsule molli deve essere assunta per via orale, con un bicchiere d'acqua a stomaco vuoto. La dose è personalizzata e verrà calcolata dal medico.

Per qualsiasi dubbio o incertezza sulla modalità di assunzione contattare il medico o il farmacista.

 

Vepesid: dosaggio 

 

La dose abituale di Vepesid negli adulti è di 100-200 mg/m2 di superficie corporea al giorno, per 5 giorni di seguito. Oppure, 200 mg/m2 di superficie corporea da somministrare nei giorni 1-3-5. 

La dose giornaliera può a volte essere divisa per essere assunta la mattina e la sera. Il ciclo di trattamento può essere ripetuto in base ai risultati degli esami del sangue, ma si dovranno attendere almeno 21 giorni dal primo ciclo di trattamento.

A volte viene utilizzato un dosaggio alternativo di 50 mg/m2 di superficie corporea, che viene assunto ogni giorno per 2 o 3 settimane. Questo ciclo di trattamento può essere ripetuto in base ai risultati di esami del sangue, ma si dovranno attendere almeno 7 giorni dal primo ciclo di trattamento.

In caso di assunzione/ingestione accidentale di una dose elevata di Vepesid contattare il medico o recarsi al più vicino ospedale.

Non assumere una dose doppia del farmaco per compensare l’eventuale dimenticanza della dose precedente. 

 

Effetti collaterali 

 

Come tutti i medicinali anche Vepesid può provocare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino, tra cui:

  • Angioedema 
  • Difficoltà a respirare
  • Tachicardia
  • Rossore della pelle
  • Irritazione cutanea 

Questi potrebbero essere segni di una reazione allergica grave per cui, interrompere il trattamento e informare immediatamente un medico se si sviluppa uno qualsiasi dei sintomi appena riportati.

A volte è stato riscontrato un danno grave al fegato, ai reni o al cuore per via di una condizione chiamata sindrome da lisi tumorale, dovuta a quantità dannose di sostanze rilasciate nel flusso sanguigno dalle cellule tumorali, quando il paziente ha assunto Vepesid insieme ad altri medicinali per trattare il tumore. Altri effetti collaterali includono:

  • Malattie del sangue 
  • Perdita di appetito 
  • Variazioni nel colore della pelle
  • Stipsi
  • Astenia
  • Epatotossicità
  • Perdita temporanea dei capelli
  • Nausea, vomito
  • Malessere generale 
  • Dolore addominale 
  • Leucemia acuta 
  • Diarrea
  • Aritmia 
  • Ipertensione 
  • Ulcere alle labbra, alla bocca, alla gola 
  • Infarto del miocardio 
  • Capogiro 
  • Prurito 
  • Irritazione cutanea 
  • Formicolio o intorpidimento a mani e piedi 
  • Reflusso acido
  • Arrossamento 
  • Disfagia 
  • Reazioni allergiche gravi 
  • Convulsioni 
  • Febbre
  • Sonnolenza o stanchezza
  • Problemi respiratori 
  • Cecità temporanea 
  • Reazioni gravi della pelle e/o delle mucose 
  • Irritazione simile ad ustione solare 
  • Sanguinamento 
  • Difficoltà respiratoria
  • Enzimi epatiti aumentati, aumento della bilirubina 
  • Infertilità
  • Infezioni 

 

Scadenza e conservazione 

 

La data di scadenza di Vepesid è riportata direttamente sulla confezione e sul blister al suo interno. La scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Conservare a temperature inferiori ai 25°C. 

Non gettare il medicinale nell’acqua di scarico o nei rifiuti domestici. Chiedere sempre al farmacista come smaltire i medicinali scaduti o non utilizzati.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.