SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 34,90€   |   WHATSAPP 3331850577  |   NUMERO VERDE 800699743

🎁Ricevi un prodotto completamente GRATIS di Neutrogena o Aveeno. SCOPRI DI PIU'

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI OLTRE I 34,90€

3331850577     800699743

🎁Ricevi un prodotto completamente GRATIS di Neutrogena o Aveeno. SCOPRI DI PIU'

Intrafer - Foglietto Illustrativo

Intrafer un medicinale a base di complesso di ferro polimaltosato, un complesso macromolecolare analogo alla ferritina

Indice Foglietto Illustrativo

  1. Cos’è
  2. Formulazione
  3. A cosa serve
  4. Principio Attivo
  5. Precauzioni per l'uso
  6. Gravidanza e allattamento
  7. Modalità d'uso
  8. Dosaggio
  9. Effetti collaterali
  10. Scadenza e conservazione

 

Intrafer 50 mg/ml gocce orali, soluzione

 

Cos’è Intrafer

 

Intrafer è un medicinale a base di complesso di ferro polimaltosato, un complesso macromolecolare analogo alla ferritina.

Intrafer è indicato negli adulti, negli adolescenti e nei bambini per trattare la carenza di ferro.

 

Intrafer: formulazioni 

 

  • Intrafer 50 mg/ml gocce orali, soluzione;
  • Intrafer 100 mg/5 ml soluzione orale.

 

A cosa serve Intrafer

 

Intrafer è un medicinale antianemico a base di ferro trivalente indicato negli adulti, negli adolescenti e nei bambini come terapia degli stati latenti o manifesti di carenza di ferro.

In particolare, anemia da carenza di ferro o aumentata necessità di ferro, specialmente in gravidanza ed allattamento, nei prematuri, nei lattanti, nei bambini piccoli e dopo le emorragie.

 

Principio attivo Intrafer

 

Il principio attivo contenuto in Intrafer è un complesso di ferro polimaltosato, un analogo della ferritina.

Questo principio attivo, dopo trasformazioni metaboliche all'interno dell'organismo, è in grado di rendersi disponibile come ferro trivalente per l’attività biologica.

 

Precauzioni per l’uso 

 

Evitare l’utilizzo di Intrafer nelle seguenti condizioni:

  • Allergia al principio attivo o ad altri componenti del medicinale 
  • Emosiderosi 
  • Emocromatosi 
  • Anemia aplastica 
  • Anemia emolitica
  • Anemia sideroacrestiche 
  • Pancreatite cronica 
  • Cirrosi epatica 

Informare il medico del trattamento, anche recente, con qualsiasi altro medicinale, anche quelli senza prescrizione. In particolare, i derivati del ferro possono ridurre l’assorbimento delle tetracicline, la cui somministrazione contemporanea dovrà essere pertanto evitata. 

Per chi svolge attività sportiva, l'uso di medicinali contenenti alcool etilico può determinare positività ai test antidoping in rapporto ai limiti di concentrazione alcolemica indicata da alcune federazioni sportive.

Un'eventuale colorazione scura delle feci è priva di significato clinico.

 

Gravidanza e allattamento 

 

Se è in corso una gravidanza, se ne sospetta o sta pianificando una, o si sta allattando al seno con latte materno, chiedere consiglio al medico prima di assumere qualsiasi medicinale.

Tuttavia, Intrafer è utilizzabile in queste particolari fasi della vita femminile.

 

Come prendere Intrafer

 

La posologia e la durata del trattamento con Intrafer devono essere stabilite dal medico in base al tipo di patologia e allo stato di salute generale del paziente.

La formulazione farmaceutica gocce orali deve essere diluita in un po' di liquido. È possibile mescolarla anche con succhi di frutta o verdura. Porre il flacone in posizione verticale dopo l’apertura ed agitarlo verticalmente.

Per qualsiasi dubbio o incertezza sulla modalità di assunzione contattare il medico o il farmacista.

 

Intrafer: dosaggio 

 

Se non diversamente prescritto dal medico, la dose di Intrafer consigliata nei bambini prematuri è di 1 goccia (2,5 mg x kg) al giorno. Per quanto riguarda i bambini fino ad 1 anno, la dose iniziale è di 6 gocce al giorno, aumentano fino a 20 gocce al giorno con somministrazione frazionata.

La posologia raccomandata di Intrafer nei bambini da 1 a 12 anni è di 20 gocce 1-2 volte al giorno mentre, la posologia per i ragazzi oltre i 12 anni è di 20 gocce 2 volte al giorno.

Per quanto riguarda gli adulti, la dose raccomandata di Intrafer è di 40 gocce 1-2 volte al giorno prima, durante o dopo i pasti.

Dopo aver raggiunto i parametri normali, la terapia dovrebbe essere continuata per consentire il ripristino dei depositi di ferro.

In caso di assunzione/ingestione accidentale di una dose elevata di Intrafer contattare il medico o recarsi al più vicino ospedale.

Non assumere una dose doppia del farmaco per compensare l’eventuale dimenticanza della dose precedente. 

 

Effetti collaterali 

 

Come tutti i medicinali anche Intrafer può provocare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino, tra cui:

  • Disturbi gastrointestinali 
  • Tensione addominale
  • Nausea
  • Stipsi 
  • Diarrea

 

Scadenza e conservazione 

 

La data di scadenza di Intrafer è riportata direttamente sulla confezione e sul flacone al suo interno. La scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Dopo la prima apertura il medicinale ha una validità di 60 giorni.

Non gettare il medicinale nell’acqua di scarico o nei rifiuti domestici. Chiedere sempre al farmacista come smaltire i medicinali scaduti o non utilizzati.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Farmacia autorizzata

Farmaciaeuropea autorizzata dal Ministero della Salute alla vendita online di farmaci da banco. Clicca qui per verificare i dati della farmacia.