Impetigine

Malattia infettiva della pelle sostenuta da un'infezione batterica che causa eritema, vescicole e croste

 

Che cos’è l’impetigine 

L’impetigine è una malattia infettiva della pelle causata da un’infezione batterica portata da stafilococchi o streptococchi. La manifestazione clinica più evidente di questa patologia è rappresentata da chiazze rosse sulla cute, sulle quali si formano vescicole e bolle contenenti siero e pus. Tuttavia, l’infiammazione che si sviluppa in seguito a questa infezione si manifesta con un quadro clinico variabile, dipendente dalla superficie cutanea coinvolta

Ricordiamo, infatti, che la pelle svolge il ruolo di barriera protettiva contro gli agenti esterni, ma quando insorge una lesione della cute, questo ruolo di barriera viene meno e i patogeni come virus, batteri e parassiti riescono a penetrare nei tessuti. 

L’impetigine interessa maggiormente neonati e bambini sotto i 10 anni, ma può colpire anche in età adulta.

Quali sono i sintomi dell’impetigine

In generale, esistono due forme diverse di impetigine: impetigine bollosa e impetigine non bollosa. Le differenze tra le due forme sono minime ma in quella bollosa avviene una rapida formazione di vescicole mentre, in quella non bollosa, le vescicole tendono a trasformarsi in croste. 

Tra i sintomi dell’impetigine troviamo:

- Eritema
- Arrossamento 
- Febbre (non sempre)
- Vescicole e bolle
- Croste
- Prurito 
- Malessere generale

L’impetigine è un’infezione altamente contagiosa che si trasmette sia per contatto diretto con il siero e le bolle, che tramite l’uso promiscuo di indumenti e biancheria. Lo stimolo a grattarsi è deleterio poiché le lesioni procurate possono dare il via libera a nuove infezioni.

Quali sono le cause dell’impetigine

Le cause alla base dell’impetigine sono rappresentate, come accennato, da un’infezione batterica causata da stafilococchi o streptococchi che, nella maggior parte dei casi, colpisce zone precedentemente danneggiate da lesioni cutanee. Le zone in cui il punto d’ingresso dei batteri è più probabile sono i distretti cutanei più esposti come viso, braccia e gambe.

Tra le
cause dell’impetigine possiamo elencare:

- Ferite o infiammazioni 
- Scarsa igiene
- Alterazione del microbiota cutaneo
- Macerazione della pelle
- PH cutaneo elevato (>7)
- Alterazioni del sistema immunitario

Il motivo per cui l’impetigine si presenta con un’incidenza maggiore tra neonati e bambini è che questi soggetti presentano un sistema immunitario ancora non sviluppato del tutto.

Impetigine: i rimedi del farmacista

I rimedi per l’impetigine si basano sull’utilizzo di antibiotici locali e sistemici e l’utilizzo di disinfettanti cutanei. Si possono applicare antisettici come la soluzione cutanea Betadine per la pulizia delle zone infette e la rimozione delle croste. In caso di febbre è possibile assumere un antipiretico come Tachipirina per abbassare la temperatura corporea. La cura vera e propria si effettua tramite terapia farmacologica a base di antibiotici come Gentamicina o Eritromicina. 

Inoltre, esistono dei rimedi naturali per l’impetigine che si possono applicare direttamente sulla cute per una funzione antibiotica e antisettica. L’utilizzo di una crema a base di Aloe Vera lenisce il prurito e i sintomi cutanei, mentre lo spray di Argento Colloidale funge da antibiotico naturale per contrastare l’azione dei patogeni.