Morbo di Crohn

Tutti i sintomi dell'infiammazione che colpisce l’apparato digerente

 

Cos’è il morbo di Crohn

Il morbo di Crohn è una patologia infiammatoria cronica che colpisce l’apparato digerente, in particolare l’ultimo tratto dell’intestino e il colon.

La malattia di Crohn è di natura idiopatica, ossia non se ne conosce la causa e si manifesta con ulcere che, se non curate, possono portare a complicazioni gravi e possono richiedere anche interventi chirurgici.

Quali sono i sintomi del morbo di Crohn

Il morbo di Crohn esordisce, nella maggior parte dei casi, tra i 20 ed i 40 anni e si presenta con sintomi diversi a seconda della localizzazione delle ulcere lungo l’apparato digerente. I sintomi sono ciclici, con una fase acuta e una fase di recesso e, molto spesso, i pazienti convivono per anni con questa patologia prima che sia effettuata una diagnosi corretta.

Tra i sintomi del morbo di Crohn più comuni troviamo:

- Diarrea cronica (sopra le 4 settimane)
- Febbricola serale
- Dolore e crampi addominali
- Perdita di sangue nelle feci
- Dolori articolari
- Perdita di peso

Alcuni sintomi possono riguardare anche altri organi come la pelle, il sangue e il sistema endocrinio. Nei casi più gravi la malattia può colpire anche la zona anale, con prurito (sintomo dell’infiammazione) e la formazione di fistole e ascessi.

Per diagnosticare il morbo di Crohn viene effettuata tramite colonscopia o ecografia delle anse intestinali.

Quali sono le cause del morbo di Crohn

Le cause del morbo di Crohn non sono conosciute, si è osservato però che le alterazioni derivate da questa malattia siano dovute ad una continua attivazione del sistema immunitario della parete intestinale.

Generalmente l’insorgenza del morbo di Crohn è derivata da tre fattori principali:

- Fattore genetico
- Reazione immunitaria
- Fattori ambientali

Nonostante alcuni geni sono coinvolti nella predisposizione a questa patologia, il morbo di Crohn non può essere classificato tra le malattie ereditarie o genetiche. Fra le cause più comuni del morbo di Crohn vi sono:

- Fumo di sigaretta
- Alterazioni della flora batterica intestinale
- Abuso di farmaci (FANS)

Morbo di Crohn: i rimedi del farmacista

La terapia per il morbo di Crohn non è definitiva e si basa sull’attenuazione dei sintomi e sulla terapia chirurgica quando il trattamento farmacologico non è sufficiente. Tuttavia, seguendo le indicazioni terapeutiche si può vivere una vita normalissima. L’alimentazione è una parte fondamentale del controllo di questa patologia.

Integratori come Multicentrum Omega 3 e Betotal advance B12 forniscono al nostro organismo un aiuto per tenere sotto controllo l’infiammazione dell’intestino e un corretto assorbimento delle sostanze nutritive. Assumere fermenti lattici, come l’integratore Biolactine, favorisce lequilibrio della nostra flora batterica intestinale.