Gonorrea

Una malattia sessualmente trasmissibile che interessa l’apparato genito-urinario.

 

Cos’è la gonorrea

Dolore, bruciore e secrezioni anomale nella zona genitale, sono solo alcuni dei sintomi della gonorrea; una malattia sessualmente trasmissibile che interessa prevalentemente l’apparato genito-urinario. 

Il suo nome deriva dal greco e prevalentemente dall’unione delle parole gònos e roì, che si traducono rispettivamente “seme” e “flusso”. La stessa origine del termine individua, quindi, il principale canale di trasmissione della gonorrea: il liquido seminale o, più precisamente, una secrezione dal pene, prima liquida, poi copiosa e muco-purulenta, in cui è presente il batterio Neisseria gonorrhoeae.

Quali sono i sintomi della gonorrea

La gonorrea si contrae con qualsiasi tipo di contatto sessuale e i sintomi iniziano a manifestarsi in un periodo che va tra i 2 e i 7 giorni dal contagio. Ma quali sono i sintomi della gonorrea? Sono diversi i sintomi della gonorrea nell’uomo, ma nella donna?

 Ecco i principali sintomi della gonorrea nell’uomo a cui prestare attenzione:

- Perdite sierose e incolori, poi gradualmente purulente, consistenti e giallastro-verdi
- Prurito, arrossamento e gonfiore all’orifizio del pene
- Dolore durante l’erezione e l’eiaculazione
- Gonfiore e dolore ai testicoli
- Prostatite e infertilità (nei casi più gravi)

A differenza della gonorrea maschile, nelle donne i sintomi della gonorrea possono essere maggiormente variabili e diversi. La sintomatologia della gonorrea nella donna comprende, infatti:

- Bruciore nell’urinare
- Minzioni frequenti
- Gonfiore nella zona genitale
- Perdite di sangue
- Infezioni importanti al collo dell’utero e alla cervice (nei casi più gravi)

Quali sono le cause della gonorrea

Il batterio Neisseria gonorrhoeae, presente nel liquido seminale, è la prima causa dello sviluppo di questa infezione che si contrae a seguito di qualsiasi forma di contatto sessuale. L’agente infettivo, una volta avvenuta la trasmissione, aderisce alle cellule epiteliali e si insedia nelle mucose delle vie uro-genitali, anali e orali, in cui provoca l’infezione. 

Ecco i principali canali di trasmissione del batterio:

- Rapporti sessuali non protetti di tipo orale, vaginale o anale
- Condivisione di oggetti a uso erotico non adeguatamente lavati o ricoperti da un nuovo preservativo
- Trasmissione verticale durante il parto (dalla madre infetta al bambino)

Generalmente, i soggetti più a rischio di contagio sono i giovani adulti, in quanto sono maggiormente sessualmente attivi, ed è chiaramente più comune tra persone che hanno numerosi partner sessuali.

Gonorrea: i rimedi del farmacista

Innanzitutto, la gonorrea si può combattere utilizzando il profilattico che garantisce una certa protezione da tutte le malattie sessualmente trasmissibili. 

Senza rinunciare al piacere, il profilattico ultra sottile Durex Invisible extra lubrificato e Durex Tropical Easyon sono i primi alleati per vivere serenamente un rapporto sessuale, senza rinunciare alla sicurezza.

 Infine, per minimizzare infezioni e irritazioni, ottimo il detergente Triderm di Bionike che è studiato per pelli sensibili e reattive, utile per la cura e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.