Depressione post partum

Una forma di depressione profonda che alcune neomamme vivono dopo la nascita del bambino

 

Che cos’è la depressione post partum

Senso di colpa, severi sbalzi d’umore e rabbia, sono solo alcuni dei sintomi della depressione post partum; un disturbo associato a una forma di depressione molto profonda che alcune neomamme possono vivere dopo la nascita del bambino. 

Può succedere, infatti, che, dopo il parto, la donna possa vivere momenti di gioia, tristezza o irritabilità fisiologicamente legati al cambiamento ormonale e di vita, conosciuta con il nome di baby blues. La depressione post partum è, però, una patologia differente che interessa circa il 10-15% delle donne: nonostante i sintomi siano simili a quelli del baby blues, si caratterizzano per una durata e intensità maggiori. 

Quali sono i sintomi della depressione post partum

La depressione post partum non è un semplice stato di tristezza e irritabilità. Alcuni sintomi sono dei veri e propri campanelli d’allarme che devono attirare l’attenzione della neomamma e di chi le è accanto. Ecco i segnali per capire la correlazione tra depressione post partum e sintomi:

- Profonda tristezza
- Pianto
- Cali di concentrazione
- Perdita di interesse verso il sesso
- Difficoltà di legame verso il proprio bambino
- Pensieri autolesionistici o legati a possibili atti verso il bambino
- Perdita di entusiasmo verso la vita
- Perdita di appetito
- Insonnia

Quanto dura la depressione post parto? Generalmente questa patologia, se non viene trattata, può durare alcuni mesi o più a lungo, e può evolvere in psicosi post partum, con sintomi più severi come allucinazioni, deliri, paranoia e confusione.

Quali sono le cause della depressione post partum

Le cause della depressione post partum sono molteplici e legate ai cambiamenti ormonali, emotivi e allo stravolgimento delle abitudini di vita correlati all’evento della nascita. In particolare:

- Fattori ormonali e fisici: dopo la nascita del bambino, una drammatica discesa dei livelli ormonali (estrogeni e progesterone) può contribuire allo stato depressivo. Alcuni ormoni prodotti dalla tiroide possono diminuire drasticamente, aumentando il livello di stanchezza e pigrizia.
- Fattori emotivi: sonno, cambiamenti a livello fisico e stanchezza costante possono far nascere la sensazione di aver perso il controllo della propria identità e della propria vita, aumentando un senso di preoccupazione, ansia, paura e frustrazione.
- Abitudini e stile di vita: l’allattamento al seno, possibili problemi relazionali con il proprio partner, così come le nuove esigenze del bambino, sono tutti fattori che favoriscono uno stato di depressione.

Depressione post partum: i rimedi del farmacista

Chi attraversa un periodo di depressione post partum, deve innanzitutto valutare la possibilità di parlare con uno specialista per iniziare un percorso psicoterapico. Esistono, però, dei prodotti utili al mantenimento del tono dell’umore e delle funzionalità dell’organismo che possono rivelarsi preziosi per il benessere quotidiano. 

L’integratore per il tono dell’umore Orosame è un prodotto utile a limitare il senso di stanchezza e ansia legato alla depressione post partum. L’integratore Swisse umore  è, invece, una formula ricca di vitamine del gruppo B6 e B12, funzionali al benessere psicologico, al funzionamento del sistema nervoso e a quello ormonale. A base di elementi naturali come la griffonia e la melissa c’è l’integratore Serenil Buonumore di Aboca, che contribuisce all’equilibrio emotivo generale.