Come scegliere i repellenti antizanzare e dormire sereni

Addio ronzii e punture con i repellenti antizanzare più efficaci

 

SOS ronzio e punture: ecco come scegliere i repellenti antizanzare giusti per te

Ogni notte ormai è caratterizzata da una lunga (e sfiancante) sfida tra te e la zanzara di turno? Se non riesci più a dormire per via del ronzio e delle punture, è proprio arrivato il momento di prendere delle precauzioni e iniziare ad utilizzare dei repellenti antizanzare. Ma quali scegliere in modo che siano sicuri e anche efficaci?

Repellente o cosmetico?

I repellenti sono prodotti che promettono di liberarci dalle zanzare, o almeno dai loro fastidiosissimi pizzichi che procurano gonfiore, rossore e prurito.

Questi, infatti, sono dei prodotti che vanno applicati sul corpo per tener lontane le zanzare, non per ucciderle. Fanno in modo, quindi, che gli insetti stiano lontano dalla nostra cute.

- In primis, è necessario che il prodotto riporti l’indicazione “Presidio Medico chirurgico” (PMC), quindi sia registrato e approvato dal Ministero della Salute.

- Se invece sull’etichetta è riportato l’elenco completo degli ingredienti (INCI) non si tratta di un repellente, ma di un cosmetico, che non fa male, ma per legge non può vantare alcuna efficacia (prodotti a base di citronella, oli essenziali, timo e lavanda non vanno oltre la mezz’ora di protezione).

3 principi attivi dei repellenti antizanzare

Se vuoi tornare a dormire bene con il caldo, acquista un repellente di comprovata efficacia, ovvero  quello che contiene uno dei seguenti principi attivi, dei quali è importante valutare anche la concentrazione:

1. Il Deet. È molto efficace anche a basse concentrazioni (già dal 7,5%). Al 20% protegge per circa 6 ore, mentre oltre il 30% è consigliato solo se ci si trova in paesi tropicali o a rischio. Attenzione però: è nocivo e a lunga durata può provocare irritazione cutanea, quindi è assolutamente sconsigliato ai bambini.

2. Icaridina. È efficace già al 10% e le concentrazioni al 20% proteggono oltre le 6 ore. Può essere usato anche sui bambini a partire dai 2 anni, l’importante è fare attenzione agli occhi e preferire le basse concentrazioni.

3. Citrepel e citrodiol. Due nomi che indicano un unico principio attivo di origine naturale di riconosciuta efficacia. A partire dal 10% protegge per qualche ora. Può essere usato dai 2 anni.

Spray, salviettine o cerotti?

Il formato del repellente antizanzare deve essere scelto in base alle proprie esigenze.

- Lo spray garantisce un’applicazione veloce e può essere condiviso con più persone. È importante fare attenzione agli occhi e che non venga inalato quando viene spruzzato. In vendita trovi sia il formato lozione spray vapo come Autan Family care Vapo Spray, o spray secco (bombolette in alluminio sottovuoto), come  Autan family care spray secco.

- Le salviettine sono utili per rinnovare la copertura. Passata qualche ora dopo aver applicato il repellente, ad esempio, è possibile usare delle salviettine a base di Citrodiol come quelle baby di Zcare, che contengono anche oli essenziali di origine naturale.

- I cerotti sono una soluzione ottima per i bambini, soprattutto se naturali, quando si preferisce non utilizzare un vero e proprio repellente. Tra i migliori annoveriamo i cerotti con oli essenziali (citronella, geranio, lavanda e garofano) di Zcare, che si applicano direttamente sugli indumenti.

Cerca il repellente antizanzare che preferisci sullo store online di Farmacia Europea!